Web Giornale Wolfsburg 
Il portale di informazione per gli Italiani nel Mondo

Home Contatti Redazione

Prima pagina Politica Manifestazioni Servizio Sociale e Legale Notizie del giorno Sport Pubblicità Poesie Indirizzi utili Galleria foto
Web Giornale Wolfsburg

 

 - Sport -

14. NOVEMBRE -2017- 006- 49-Tavecchio: Profonda amarezza. Domani riunione Figc

Clicca per aprire immagine

IL Portale di Informazione per gli Italiani nel Mondo da Wolfsburg/ Germania .

e - mail : m.spano @ webgiornalewolfsburg.info

14. NOVEMBRE -2017- 006- 49-

Tavecchio: "Profonda amarezza. Domani riunione Figc"

Carlo Tavecchio rompe il silenzio dopo la mancata qualificazione al Mondiale 2018

Carlo Tavecchio rompe il silenzio. Dopo la mancata qualificazione al Mondiale 2018, il numero uno della Federcalcio ha annunciato che domani si terrà domani una riunione in Figc.

Secondo quanto si apprende da fonti federali, il presidente Carlo Tavecchio riunirà le componenti della Federcalcio per fare il punto della situazione e valutare la situazione del ct Gian Piero Ventura. Dal numero 1 di Via Allegri, filtrano profonda amarezza e delusione per l'insuccesso sportivo dopo il pari con la Svezia.

"Siamo profondamente amareggiati e delusi per la mancata qualificazione al Mondiale, è un insuccesso sportivo che necessita di una soluzione condivisa e per questo ho convocato domani una riunione con le componenti federali per fare un'analisi approfondita e decidere le scelte future", ha dichiarato Tavecchio.

########################################################

Tardelli: "Tavecchio? Se avesse dignità dovrebbe andarsene"

Il commento del campione del mondo a Spagna '82 è durissimo

"Tavecchio se avesse la stessa dignità di Abete dovrebbe andarsene". Marco Tardelli alla domanda di Serena Bortone, conduttrice di Agorà, Rai Tre, sulla mancata qualificazione dell'Italia ai mondiali del 2018 in riferimento al Presidente della FIGC non ha usato giochi di parole.

Il commento del campione del mondo a Spagna '82 è durissimo. “Conosco la realtà d’oltremanica perché ho abitato lì diversi anni e vi posso dire che Tavecchio in Inghilterra non sarebbe più entrato in uno stadio, mentre in Italia è il presidente della FIGC. È questo che dobbiamo chiederci: perché è lì e può permettersi di dire certe cose? Permettiamo tutto a un soggetto che, comunque, è coperto”.

"Troppi calciatori stranieri nel calcio italiano". E il flop diventa un caso politico

Tavecchio e Ventura sul banco degli imputati. Salvini e Meloni: "Troppi stranieri in campo". E Renzi sbotta: "Sciacalli"

"Siamo profondamente amareggiati e delusi per la mancata qualificazione al Mondiale, è un insuccesso sportivo che necessita una soluzione condivisa e per questo ho convocato domani una riunione con tutte le componenti federali per fare un'analisi approfondita e decidere le scelte future".

Dopo lo 0-0 di ieri sera a Milano tra Italia e Svezia, che ha precluso alla Nazionale la possibilità di accedere al Mondiale 2018, Carlo Tavecchio prende tempo. Per il momento le sue dimissioni non sono all'ordine del giorno, anche se sono in molti a chiederle. Certamente il presidente della Federcalcio italiana è uno dei maggiori indiziati di questo fallimento. Ma non è l'unico. E sono in molti a puntare il dito contro l'eccessivo numero di calciatori stranieri nel nostro campionato.

Il day after della sconfitta porta in campo anche la politica. La delusione dell'essere usciti dalla corsa al mondiale brucia tutti. E ognuno cerca di interrogarsi sulle reali cause di questo fallimento. "Forse è la più grande catastrofe sportiva italiana degli ultimi 60 anni, che non può essere scaricata solo sul commissario tecnico", commenta Walter Veltroni a Radio Anch'io. "I risultati mancano a livello di nazionale, di club, dell'intero movimento insomma. C'è un problema nel calcio italiano - sottolinea l'esponente del Pd - che riguarda la gestione, il movimento". Dunque, conclude, "serve un nuovo presidente, un nuovo allenatore. Dopo Del Piero e Totti c'è un problema di fondo del calcio italiano. Manca autorevolezza".

Per molti politici del centrodestra il problema è tutt'altro: le squadre investono solo su calciatori stranieri e dimenticano quelli italiani. "Basta con l'infornata di stranieri secondo il principio che il primo che arriva si prende perchè costa poco", sbotta Matteo Salvini proponendo di dare "il 20% dei fondi dei diritti tv a chi valorizza i nostri ragazzi che arrivano dalle giovanili". Della stessa idea anche Giorgia Meloni. "Nel calcio come in altri ambiti se ti concentri solo sugli stranieri e non investi sul vivaio italiano questo è il risultato - spiega la leader di Fratelli d'Italia ai microfoni di di Rtl 102.5 - se il calcio italiano non impara che deve investire sui giovani italiani, sul vivaio, sullo sport, obbiettivamente non cambierà niente".

Le parole del centrodestra scoperchiano il vaso di Pandora. Ed è Matteo Renzi il primo ad attaccare sul fronte del confronto politico. "È uno sciacallo. Chi conosce il calcio sa che gli argomenti di Salvini sono ridicoli", tuona il segretario piddì senza, però, nascondere che quella di ieri è stata una "sberla enorme" che deve imporre "a tutto il movimento calcistico una riflessione", a partire da Tavecchio e dal ct Gian Piero Ventura.

14/11/2017