Web Giornale Wolfsburg 
Il portale di informazione per gli Italiani nel Mondo

Home Contatti Redazione

Prima pagina Politica Manifestazioni Servizio Sociale e Legale Notizie del giorno Sport Pubblicità Poesie Indirizzi utili Galleria foto
Web Giornale Wolfsburg

 

 - Notizie del giorno -

24.Luglio-2017- 005- 851-Agente sospeso e senza salario. Arriva una colletta per aiutarlo

Clicca per aprire immagine

IL Portale di Informazione per gli Italiani nel Mondo da Wolfsburg/ Germania .

e - mail : m.spano @ webgiornalewolfsburg.info

24.Luglio-2017- 005- 851-

Agente sospeso e senza salario. Arriva una colletta per aiutarlo

Scatta la solidarietà dei colleghi per il poliziotto sospeso dal servizio per aver ripreso un immigrato in bicicletta e offeso la Boldrini. L'agente ora ha lo stipendio dimezzato

Una raccolta fondi, una colletta per sostenere economicamente il poliziotto sospeso dal servizio dopo il video in cui criticava la Boldrini e riprendeva un immigrato andare in bicicletta sull'autostrada.

Il sindacato autonomo di polizia (Sap) ha infatti messo a disposizione del collega un avvocato per presentarsi di fronte alla commissione disciplinare che dovrà decidere il suo futuro. Il problema non è secondario. Perché a causa della sospesione, il poliziotto - 43enne padre di tre figli - si è visto pure dimezzare lo stipendio. Non solo. Perché adesso rischia anche il congedo. Ed è per questo che è scattata la gara di solidarietà tra colleghi.

Sono molti i sindacati di polizia schierati al fianco dell'agente. Ieri al Giornale il Coisp aveva annunciato una pedalata di solidarietà, oggi il Sap attraverso Gianni Tonelli afferma che "è una cosa assurda. In un paese che pochi giorni fa aveva scarcerato una persona che aveva aggredito un poliziotto con un coltello, ora si vuole strumentalizzare questa situazione". Sullo stesso tono anche Eugenio Bravo, segretario provinciale del Siulp, che a Repubblica afferma: "Quel video è un fatto spiacevole ma goliardico, non è stato fatto con un intento razzista ma per raccontare un malessere diffuso e per dire che l'illegalità deve essere sempre perseguita, chiunque la commetta".

Intanto bisogna specificare il video non è finito online per volere del poliziotto incriminato. Lo avrebbe infatti inviato ad alcuni colleghi su whatsapp e poi sarebbe finito in Rete. Lui si dice dispiaciuto: "Non volevo apparire razzista". E poi al segretario del suo sindacato, il Sap, aggiunge: "Io ho fatto un percorso professionale illibato, ho partecipato a un'infinità di operazioni di polizia, sono stato trasferito da più sedi e ho sempre dato il massimo in servizio".

24/07/2017