Web Giornale Wolfsburg 
Il portale di informazione per gli Italiani nel Mondo

Home Contatti Redazione

Prima pagina Politica Manifestazioni Servizio Sociale e Legale Notizie del giorno Sport Pubblicità Poesie Indirizzi utili Galleria foto
Web Giornale Wolfsburg

 

 - Politica -

31. OTTOBRE 2020- 02- 2664-La Meloni ora massacra Conte Così ci ha preso in giro...

Clicca per aprire immagine

IL Portale di Informazione per gli Italiani nel Mondo da Wolfsburg/ Germania .

e - mail : m.spano @ webgiornalewolfsburg.info

31. OTTOBRE 2020- 02- 2664

La Meloni ora "massacra" Conte "Così ci ha preso in giro..."

La leader di Fratelli d'Italia sbotta contro Conte: "Ha abbandonato gli italiani". E torna a chiedere il voto anticipato: "Alle urne nel 2021"

"La protesta pacifica è la risposta migliore alle frange violente che fanno solo gli interessi del governo". Così Giorgia Meloni zittisce coloro che vorrebbero negare il malessere degli italiani cogliendo al balzo la presenza di qualche infiltrato nelle piazze d'Italia.

Il dissenso di lavoratori ed esercenti, che rappresentano milioni di persone colpite dall'ultimo Dpcm, andrebbe ascoltato e preso assolutamente in considerazione. La tensione sociale cresce giorno dopo giorno, anche perché sentire il premier Giuseppe Conte definire "sacrificabili certe categorie" non è affatto bello: "Sacrificabili lo saranno per lui". E c'è chi non ha perso tempo per puntare il dito vergognosamente contro il centrodestra, accusandolo di alimentare le violenze. Ma la leader di Fratelli d'Italia non si piega a questo tipo di narrazione: "Nessuno soffia sul fuoco o vuole speculare. C’è un’Italia per bene che vuole dire la sua e denunciare di essere stata abbandonata da Conte e dai suoi ministri".

Dalle indiscrezioni che stanno circolando in queste ore emerge la forte possibilità di finire nuovamente in lockdown, anche se in misura più morbida. La seconda ondata andava fronteggiata in maniera certamente migliore e non bisognava farsi trovare del tutto impreparati come sul fronte trasporti. L'auspicio è che non si arrivi alla chiusura totale perché i danni economici sarebbero davvero drammatici: "Al governo chiediamo più serietà e meno propaganda. La soluzione non può essere chiudere i ristoranti alle 18 per decongestionare i mezzi pubblici. Ma è alle otto del mattino che devi evitare gli assembramenti, non alle 22".

"Mi sento presa in giro"

Nell'intervista rilasciata a La Repubblica, la presidente di FdI si è scagliata duramente contro l'ultimo Dpcm: "Se parti dalla chiusura di ristoranti e palestre, senza fermare il contagio, stai solo cercando un capro espiatorio". Sostiene infatti che in questi mesi "non è stato fatto nulla" per evitare assembramenti sui mezzi di trasporto, per scongiurare il ritorno alla didattica a distanza e per potenziare la sanità. E insiste: "Se è acclarato che il virus impatta soprattutto sui più anziani, non si può non partire da un piano serio per tutelarli". La prossima settimana Fratelli d'Italia presenterà in Aula una risoluzione con le proprie proposte, valutando come votare sulla nuova stretta. "Se la maggioranza le accoglierà tutte o in parte, bene. Altrimenti, se continueranno a fare quel che hanno fatto in questi mesi, ognuno per la sua strada, non avranno il nostro sì", ha avvertito a chiare lettere.

Mentre Matteo Salvini continua a chidere ai giallorossi di coinvolgere le opposizioni nelle decisioni per contrastare la diffusione del Coronavirus, la Meloni ha confermato di essersi praticamente rassegnata e di aver rinunciato anche a sperare che tutto ciò possa avvenire: "A me innervosiscono le prese in giro. Non perdo tempo. Abbiamo lavorato dall’inizio dell’emergenza come se fossimo al governo. Con responsabilità e serietà. Le nostre 2mila proposte sotto forma di emendamenti, fin dal mese di marzo, lo dimostrano". Infine è arrivata nuovamente la richiesta di tornare alle urne il prima possibile: "Alla fine di tutta questa storia saranno gli italiani a dire chi è stato responsabile e chi no". Specifica che non chiede il voto in queste settimane, ma appena messo il Paese in sicurezza - col contagio sotto controllo - "si deve tornare subito alle urne" per consentire ai cittadini di esprimersi su come il governo ha gestito l'emergenza Coronavirus.

31/10/2020