Web Giornale Wolfsburg 
Il portale di informazione per gli Italiani nel Mondo

Home Contatti Redazione

Prima pagina Politica Manifestazioni Servizio Sociale e Legale Notizie del giorno Sport Pubblicità Poesie Indirizzi utili Galleria foto
Web Giornale Wolfsburg

 

 - Politica -

20-Dicembre 2019-02- 2615- Gregoretti, le balle di Di Maio: la sua versione anti Salvini traballa

Clicca per aprire immagine

IL Portale di Informazione per gli Italiani nel Mondo da Wolfsburg/ Germania .

e - mail : m.spano @ webgiornalewolfsburg.info

20-Dicembre 2019-02- 2615-

Gregoretti, le balle di Di Maio: la sua versione anti Salvini traballa

Il grillino scarica tutta la colpa su Salvini. Ma dimentica quello che lui stesso dichiarava. Ecco quello che non torna

"Quando un anno prima circa, ad agosto 2018, bloccammo la Diciotti era perché l'Europa non ci ascoltava sui ricollocamenti, un anno dopo le ricollocazioni funzionavano, quindi il blocco della Gregoretti non fu una decisione del governo ma del ministro dell'Interno di allora.

Nel primo caso c'era interesse pubblico prevalente. In questo caso invece non c’era, tant’è vero che poi dopo li fece sbarcare perché la redistribuzione funzionava". Sul caso Gregoretti Luigi Di Maio non la racconta giusta.

E i motivi sono diversi. Innanzitutto il 28 luglio il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, dichiarava: "La nave Gregoretti ha ormeggiato stanotte al porto di Augusta, come è normale che sia per una nave militare. Ora la Ue risponda, perché la questione migratoria riguarda tutto il Continente". Come mai Toninelli pronunciava queste parole se a detta di Di Maio le ricollocazioni funzionavano e se non c'era bisogno di fare la voce grossa con la Ue?

In un'intervista video inoltre Di Maio sosteneva che "la redistribuzione c'era, Conte aveva già sentito le cancellerie europee!". Ma la verità è che la richiesta all'Unione Europea per la redistribuzione dei migranti era arrivata il 29 luglio, soli due giorni prima dello sbarco.

E ancora. Se la redistribuzione funzionava già allora, come mai successivamente è stato siglato l’accordo di Malta?

Circa un mese prima del caso Gregoretti, in un'intervista pubblicata da RadioSavana, Di Maio dichiarava: "Prima di farli sbarcare e far scattare il regolamento di Dublino, noi dobbiamo avere la garanzia che l'Ue prenda in carico quei migranti altrimenti resteranno solo in carico all'Italia e prima di qualsiasi sbarco vogliamo avere la certezza che la maggioranza delle persone che sono su una nave e che si avvicinano sulle coste italiane vadano in altri paesi europei e lo dico perché allo stesso tempo noi siamo per la redistribuzione negli altri paesi europei e siamo per una linea che consenta all'Italia di poter affrontare questo problema senza doverci sobbarcare tutto il problema dei migranti".

Secondo fonti della Lega, inoltre, per sbloccare lo stallo della Gregoretti ci furono numerose interlocuzioni tra Viminale, presidenza del Consiglio, ministero degli Affari Esteri e organismi comunitari. Il via libera allo sbarco fu annunciato dal ministro dell’Interno, appena conclusi gli accordi per la redistribuzione degli immigrati in una struttura dei vescovi italiani e in cinque paesi europei. Accordi raggiunti grazie a una intensa attività diplomatica.

Tuttavia, in base alla versione di Di Maio, Salvini bloccò la nave di sua iniziativa personale. Ma questo significa che né lui né il premier erano d'accordo? Ma se non erano d'accordo non era il caso di esprimerlo, di farlo sapere, di provare a osteggiare la decisione unilaterale del ministro dell'Interno? Dubbi, non pochi. Un'unica certezza: il non essere più alleato di governo con Salvini ha fatto cambiare idea a Di Maio. Anche se lui non lo ammetterà mai.

20/12/2019