Web Giornale Wolfsburg 
Il portale di informazione per gli Italiani nel Mondo

Home Contatti Redazione

Prima pagina Politica Manifestazioni Servizio Sociale e Legale Notizie del giorno Sport Pubblicità Poesie Indirizzi utili Galleria foto
Web Giornale Wolfsburg

 

 - Politica -

09- FEBBRAIO -2019-02- 2509-Voi siete dei pazzi. È scontro tra Tria e i 5 Stelle

Clicca per aprire immagine

IL Portale di Informazione per gli Italiani nel Mondo da Wolfsburg/ Germania .

e - mail : m.spano @ webgiornalewolfsburg.info

09- FEBBRAIO -2019-02- 2509-

"Voi siete dei pazzi". È scontro tra Tria e i 5 Stelle

La lite a Palazzo Chigi: i grillini bloccano il rinnovo del vicedirettore generale di Bankitalia, il ministro se ne va urlando

"Voi siete dei pazzi". Si sarebbe conclusa con Giovanni Tria che se ne va urlando la riunione notturna a Palazzo Chigi in cui la componente grillina del governo avrebbe bloccato il rinnovo del vicedirettore generale della Banca d'Italia, Signorini.

A raccontare il retroscena è il Corriere che parla di un duro scontro tra il titolare dell'Economia e il M5S partito dal veto imposto da Luigi Di Maio a una figura - spiega ancora il quotidiano di via Solferino - troppo contraria alle misure volute dai Cinque Stelle. Pare che il premier Giuseppe Conte abbia tentato di far da paciere: "Siamo qui per cambiare le cose, e per cambiare a volte si va per tentativi". A quel punto il sottosegretario leghista Giancarlo Giorgetti avrebbe replicato: "Ah sì? E se scoppia la rivoluzione, che facciamo: andiamo avanti per tentativi?".

Il malumore nella maggioranza sarebbe palpabile: "Sarebbe da matti restare con questi matti fino alla prossima Finanziaria", avrebbe sibilato un ministro del Carroccio. La Lega sarebbe irritata anche dalla "melina" del Movimento 5 Stelle sul caso Diciotti e sul voto in Senato. E dalla questione Tav. "La carica rivoluzionaria finisce ogni sera quando finiscono i tiggì", avrebbe criticato un altro ministro leghista.

Intanto il ministro dell'Economia esclude una nuova patrimoniale. "Sarebbe una mossa suicida per il quadro economico", ha detto a La Stampa, "È una cosa senza senso. Un po' di solidarietà nazionale sarebbe utile quando si parla del futuro dell'economia". E cerca di smorzare i toni, sia nei confronti della Francia ("Una incomprensione passeggera dovuta a difficoltà di comunicazione", dice), sia sulla Torino-Lione ("Dobbiamo dimostrare di essere affidabili e ristabilire la fiducia nei confronti dell'Italia, la fiducia dei cittadini e degli investitori italiani e stranieri"). Ma sotto le dichiarazioni distensive, covano nuove tensioni.

09/02/2019