Web Giornale Wolfsburg 
Il portale di informazione per gli Italiani nel Mondo

Home Contatti Redazione

Prima pagina Politica Manifestazioni Servizio Sociale e Legale Notizie del giorno Sport Pubblicità Poesie Indirizzi utili Galleria foto
Web Giornale Wolfsburg

 

 - Politica -

26-Giugno -2018- 002 – 1045-Migranti, Macron nega l'emergenza Ira di Salvini: Arroganza francese

Clicca per aprire immagine

IL Portale di Informazione per gli Italiani nel Mondo da Wolfsburg/ Germania .

e - mail : m.spano @ webgiornalewolfsburg.info

26-Giugno -2018- 002 – 1045-

Migranti, Macron nega l'emergenza Ira di Salvini: "Arroganza francese"

Macron nega l'emergenza immigrazione. E Salvini torna all'attacco: "L'arroganza francese è passata di moda"

Nuovo, duro attacco di Matteo Salvini a Emmanuel Macron. Mentre il presidente francese è in vista dal Papa in Vaticano, il vicepremier non manca di lanciare una nuova stoccata alla Francia sul tema migranti.

"Se per Macron in Italia non esiste un problema immigrazione - ha detto Salvini - allora che apra subito le porte di casa sua ai 9.000 immigrati che la Francia si era impegnata ad accogliere dall'Italia con gli accordi firmati in Europa. Troppo facile farsi la foto col Papa senza rispettare gli accordi e respingendo donne e bambini alle frontiere. L'arroganza francese non va più di moda in Italia".

La polemica nasce dalle parole pronunciare da Macron a margine dell'incontro con Papa Francesco. "Nessuno può dire che la Francia è egoista - ha detto il presidente francese - ma oggi non c'è una crisi migratoria. C'è una crisi politica interna all'Europa dovuta ai movimenti secondari" . E poi ha aggiunto: "Quando si parla dell'Italia la situazione è che c'è stata stata una diminuzione dell'80% negli sbarchi nell'ultimo anno. Se guardiamo ai dati, per l'Italia il picco di questa crisi è stato un anno fa nel peggior momento di Mare Nostrum o per l'Europa nel 2015".

Nella conferenza stampa in Vaticano, però, Macron ha fatto una piccola marcia indietro sulla valutazione dell'operato della Onf Mission Lifeline. Ieri, infatti, il ministro per gli Affari europei francese, Nathalie Loiseau, aveva detto che "tecnicamente e praticamente, sta all'Italia accoglierla (la Lifeline, ndr) Questo non sta bene a tutti, è il diritto internazionale, e non siamo lì per sostituire il diritto con la legge della giungla". Salvini aveva prontamente risposto, facendo notare al ministro d'Oltralpe che era "ignorante, nel senso che ignora la situazione di questa nave che ha agito ignorando le segnalazioni della guardia costiera italiana e libica: è una nave fuori legge che va sequestrata". Oggi Macron sembra sposare la linea salviniana quando afferma che la nave Lifeline "ha fatto il gioco degli scafisti e non ha rispettato le regole nè la Guardia costiera libica". Meglio tardi che mai.

$$

Incontro segreto con Macron: così Conte ha sbloccato la Lifeline

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e il Presidente francese, Emmanuel Macron, si sono visti per un vertice di novanta minuti sul caso Lifeline

Novanta minuti di vertice segreto. La presenza di Emmanuel Macron a Roma per far visita al Papa aveva fatto ovviamente pensare alla possibilità di un incontro col primo ministro italiano.

Al centro della politica nazionale e internazionale c'era (e c'è) la questione Mission Lifeline e immigrazione.

Ieri non sono stati dati annunci di vertici ufficiali. Ma i due si sono incontrati a Casina Valadier, poco prima che il presidente francese si recasse in Vaticano per il faccia a faccia con papa Francesco. Insieme a Macron era presente al colloquio anche la moglie Brigitte.

Il vertice sarebbe avvenuto dopo che Conte aveva telefonato al ministro francese Joseph Muscat e Angela Merkel. Fonti parlamentari al Corriere fanno sapere che "erano giorni che Conte stava lavorando alla soluzione" sulla Lifeline. Soluzione che oggi sembra essere arrivata, visto chela nave della ong spagnola sta viaggiando verso Malta. Il porto che la accoglierà dovrebbe essere La Valleta anche se il governo maltese ha fatto sapere che accoglierà la nave solo dopo che gli Stati Ue avranno confermato la volontà di redistribuire le loro quote di immigrati presenti a bordo.

26/06/2018